rejuvelac-di-quinoa-come-farlo-e-modi-di-utilizzo

REJUVELAC DI QUINOA: COME FARLO E MODI DI UTILIZZO

Rejuvelac di quinoa: una bibita fermentata, facile da fare e ricca di batteri probiotici che il nostro intestino adora. Non la conosci? Leggi l’articolo e ti spieghiamo come farla a casa!

Il rejuvelac è una bevanda probiotica che si può autoprodurre molto facilmente a partire dai chicchi di cereale. Si fanno germogliare e poi semplicemente si lasciano fermentare in acqua. Semplice no?

Il rejuvelac può essere ottenuto non solo dal chicco del cereale, ma anche dai semi come quelli di lino, chia e sesamo.

Noi amiamo prepararlo a base di quinoa, ma puoi modificare la ricetta ad esempio con il riso, l’avena o il miglio.

Proprio come tutti gli alimenti fermentati, il rejuvelac è un potente rimedio naturale per rafforzare il sistema immunitario e lavorare sul tratto digestivo, alimentando la flora batterica intestinale.

Oltre ad essere benefico per l’intestino, migliorare la digestione ed essere d’aiuto per contrastare gonfiori e meteorismo, il rejuvelac è anche un ottimo starter per preparare formaggi vegani

Puoi vederne un esempio facendo click qui sotto sulla ricetta dello spalmabile di mandorle fatto proprio con il nostro rejuvelac!

Leggi anche: Formaggio spalmabile di mandorle 

Se preferisci guardare il video tutorial su YouTube fai click qui.

REJUVELAC DI QUINOA PASSO A PASSO

INGREDIENTI:

  • 150 gr di quinoa
  • 1 litro di acqua fresca + acqua per l’ammollo

PROCEDIMENTO:

  1. Risciacqua accuratamente la quinoa sotto acqua corrente aiutandoti con un colino, in modo da eliminare le saponine che ricoprono i chicchi
  2. Metti la quinoa dentro un barattolo di vetro e ricoprila con acqua fresca per l’ammollo (te ne servirà circa 1 litro)
  3. Copri il barattolo con una garza e lascia i chicchi in ammollo per una notte
  4. Al mattino scola la quinoa, risciacquala e lasciala sul colino coperta da una garza o da un piattino
  5. A questo punto inizierà il processo di germogliazione dei chicchi: è importante mantenerli umidi, quindi sciacquali e coprili con la garza o il piattino per due volte al giorno. Questa fase durerà circa 2 giorni, ma tanto dipenderà dalla temperatura esterna (d’estate può anche bastare 1 giorno, d’inverno anche 3)
  6. Quando vedi che sono comparsi i germogli, metti la quinoa nel barattolo di vetro e riempi con 1 litro di acqua fresca. Copri con una garza. A questo punto inizia la fermentazione
  7. Vedrai che mano a mano che passa il tempo l’acqua inizierà a diventare sempre più torbida e quando si formano le prime bollicine il tuo rejuvelac è pronto
  8. Filtra il liquido in una bottiglia di vetro da conservare in frigorifero per una settimana al massimo

Puoi riutilizzare i chicchi di quinoa per altre due volte. 

Il sapore del rejuvelac è acidulo e forse le prime volte potrebbe risultarti un po’ strano. Ma abbi fede: il tuo intestino lo amerà!

Attenzione: sterilizza il barattolo di vetro dove farai fermentare la tua quinoa per evitare contaminazioni batteriche!

MODALITA’ DI UTILIZZO

Puoi consumare il rejuvelac così com’è, un bicchiere a digiuno oppure in altri momenti della giornata. Puoi anche assumerlo tra un pasto e l’altro per favorire il processo digestivo.

Se non dovesse proprio piacerti il sapore, prova ad aggiungere qualche goccia di limone, per una bevanda enzimatica rinfrescante e adatta soprattutto al caldo estivo.

Oppure puoi utilizzarlo per un frullato di frutta fresca, in modo da ottenere una bevanda energetica e davvero sprint!

Allo stesso modo puoi aggiungerlo alle tue zuppe di verdura e ovviamente usarlo per fermentare la frutta secca con cui creare dei deliziosi formaggi vegani.

Infine, ma non meno importante puoi utilizzarlo anche direttamente sulla pelle del viso come tonico: per un effetto idratante e tensore strepitoso!

Un abbraccio di luce positiva!

Deborah

Lascia un commento