pelle-scopri-la-sua-struttura-e-le-sue-funzioni

PELLE: SCOPRI LA SUA STRUTTURA E LE FUNZIONI

  • Categoria dell'articolo:Bellezza
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:6 minuti di lettura

Da quando mi sono appassionata dell’autoproduzione di cosmetici e ho iniziato a studiare a fondo la materia ho capito quanto sia fondamentale conoscere la struttura della pelle

Questo concetto è importantissimo per scegliere e formulare i cosmetici più adatti alla cute.

QUAL E’ LA STRUTTURA DELLA PELLE?

La cute è molto di più di un semplice involucro del corpo

Non solo contiene le tracce della nostra propria esperienza, ma ci permette anche di sentire tramite il tatto e funge inoltre da filtro per eliminare le sostanze di scarto grazie al sudore e al sebo.

Epidermide, derma e ipoderma sono i 3 strati che compongono la pelle, dal più esterno al più interno.

Ma vediamoli nello specifico.

1. L’EPIDERMIDE

E’ la parte più superficiale della cute ed è formata da vari strati di cellule.

Il primo e più superficiale strato si chiama “strato corneo“: qui le cellule hanno la funzione di protezione da aggressioni esterne come i raggi UV e i microbi e muoiono a ritmo continuo per lasciare spazio a cellule nuove. Lo strato corneo è ricoperto da una pellicola idrolipidica che ha lo scopo di rinforzare la pelle e renderla impermeabile.

Subito sotto lo strato corneo c’è lo strato spinoso. Qui risiedono le cellule abbronzanti le quali, se esposte al sole, producono la melanina che rilascia il tipico pigmento marrone che colora la pelle.

Lo strato più profondo dell’epidermide si chiama strato basale. Da qui si producono le cellule giovani che andranno a rigenerare l’intera epidermide, fino allo strato corneo (dove appunto c’è il riciclo delle famose cellule morte). Lo strato basale ha il compito di filtrare i rifiuti ed è proprio quando questo si satura che compaiono brufoli e imperfezioni.

2. IL DERMA

Il derma è lo strato subito sotto all’epidermide. E’ composto da tessuti elastici e fibrosi molto vascolarizzati e ha lo scopo di proteggere e nutrire l’epidermide. Le cellule che troviamo per la maggiore in questo strato sono i fibroblasti, che sotto stimolo ormonale producono il collagene, l’elastina e i proteoglicani. L’attività dei fibroblasti diminuisce con l’avanzare dell’età, a partire dai 30 anni circa. Nel derma vi sono anche i nervi tattili, responsabili appunto del senso del tatto, le ghiandole sudoripare e le ghiandole sebacee.

3. L’IPODERMA

L’ipoderma è il terzo e ultimo strato della nostra pelle. Ha lo scopo di conservare il grasso e i rifiuti residui in attesa della loro eliminazione.

Leggi anche: Pelle: 3 chiavi per conoscere il tuo tipo

LE FUNZIONI DELLA PELLE

La pelle è l’organo più esteso del corpo e svolge molte altre funzioni oltre a quella di “involucro”:

  • Grazie al suo pH acido ci protegge dai microbi esterni
  • Tramite il sudore permette la regolazione della temperatura corporea (pensiamo a quando abbiamo la febbre e sudiamo di notte)
  • Permette il senso del tatto tramite le terminazioni nervose
  • Assorbe ossigeno ed elimina anidride carbonica in minima quantità
  • Attraverso le ghiandole sebacee e sudoripare elimina i prodotti di scarto
  • Funge da ricettore di calore umano (pensiamo alla sensazione che proviamo quando prendiamo per mano il nostro partner)

PERCHE’ E’ IMPORTANTE CONOSCERE LA STRUTTURA DELLA PELLE?

Ora che hai visto qual è la struttura della pelle e conosci le sue funzioni principali puoi capire meglio cosa succede quando spalmi una crema o usi un detergente.

La pellicola idroacida-lipidica dell’epidermide è composta da una parte grassa (il sebo) e da una parte acquosa (detta fattore di idratazione naturale). Quest’ultima serve a mantenere la pelle idratata, a proteggerla da microbi esterni, a regolare il flusso di sostanze verso l’esterno e viceversa e a mantenere i valori ottimali di acidità.

Quando detergiamo la pelle o applichiamo una crema agiamo sullo strato corneo, perché il sistema immunitario della pelle è lì apposta per bloccare il passaggio delle sostanze. Pertanto è importante non alterare in alcun modo la pellicola idroacida-lipidica di questo strato, avendo sempre cura di fornirgli tutte le sostanze per mantenerlo in salute.

Da tutte queste informazioni si evince che la pelle non è un organo preposto tanto all’assorbimento, quanto piuttosto alla funzione di protezione dagli attacchi esterni e all’eliminazione di tossine tramite le ghiandole sebacee e sudoripare.

Le creme che applichiamo sulla pelle non vanno quindi in profondità come alcune pubblicità possono farci pensare, ma si bloccano sullo strato superficiale della cute andando ad idratarla grazie alla loro capacità di trattenere l’acqua.

Tuttavia i tensioattivi e gli emulsionanti, anche se non riescono a bypassare la barriera cutanea, sono in grado di indebolirla, favorendo così sul lungo periodo la penetrazione anche di altre sostanze pericolose che potrebbero essere incluse in qualche crema o detergente commerciale.

IN CONCLUSIONE

Per tutte queste ragioni è importantissimo utilizzare sempre prodotti per l’igiene e la cura personale completamente naturali. In questo modo manteniamo il film idroacido-lipidico nella norma ed evitiamo di rendere penetrabile la barriera cutanea da agenti esterni potenzialmente dannosi.

Allo stesso tempo è bene conoscere anche come utilizzare correttamente i prodotti naturali che scegliamo: naturale sì, ma sempre con consapevolezza.

Ad esempio gli oli essenziali sono potentissimi e possono esserci di enorme aiuto non solo in cosmetica, ma anche per la salute dell’organismo. Tuttavia dobbiamo conoscerli e sapere come utilizzarli proprio perché sono molto potenti. Gli oli essenziali sono infatti una di quelle sostanze in grado di oltrepassare la barriera cutanea. Fortunatamente sono sostanze volatili che per natura si disperdono, ma è comunque bene saper dosarli nella maniera corretta onde evitare irritazioni o reazioni allergiche.

Spero di aver fatto un po’ di chiarezza e averti dato delle informazioni in più affinché anche tu ti possa animare ad entrare nel mondo dell’autoproduzione naturale, ma con coscienza.

È un campo divertente, creativo e soddisfacente, ma tutto ciò che creiamo deve essere fatto con la consapevolezza di ciò che si utilizza e di come può influire sul nostro corpo.

Fammi sapere nei commenti se ti è stato utile questo articolo!

Un abbraccio di luce positiva!

Deborah

Lascia un commento