massaggio-gua-sha-viso-come-fare-la-ginnastica-facciale

MASSAGGIO GUA SHA VISO: COME FARE LA GINNASTICA FACCIALE

  • Categoria dell'articolo:Bellezza
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:19 minuti di lettura

Il massaggio gua sha viso è una tecnica di massaggio che apporta innumerevoli benefici non solo alla pelle dal punto di vista estetico, ma anche alla mente grazie al profondo rilassamento che regala.

Se non hai mai provato questo tipo di massaggio ti consiglio di leggere questo articolo dove ti spiego tutti i vantaggi del trattamento con la pietra gua sha, spiegandoti anche step by step come puoi utilizzarla al meglio.

Pietra gua sha cos’è

Si tratta di un tool in pietra naturale, generalmente di Giada o Quarzo rosa, che vede le sue origini nella medicina tradizionale cinese.

Il nome deriva dalla parola gua strofinare e sha calore. Ecco che capiamo subito da dove provengono i benefici che il massaggio viso gua sha è in grado di donare.

Nella tradizione cinese il gua sha veniva utilizzato sia per rituali di bellezza che per stimolare alcuni punti chiave di agopuntura, quindi per scopi terapeutici.

Per questo motivo quando si effettua il massaggio gua sha viso è importante terminare sempre lo scorrimento della pietra in punti specifici, che ti indicherò, che corrispondono a quelli dell’agopuntura.

L’automassaggio eseguito con questo particolare accessorio ha lo scopo di provocare calore tramite l’azione meccanica dello “strofinamento” della pelle del viso (ma anche del corpo). L’idea è proprio quella di disperdere il calore interno accumulato, portandolo negli strati più superficiali.

L’eccesso di calore è causa di irritazioni e di patologie infiammatorie ed eseguendo con costanza questo tipo di trattamento ne aiutiamo l’eliminazione, liberando e decongestionando i tessuti.

I benefici del massaggio gua sha però non si fermano di certo qui. Già, perché la sensazione di relax e distensione che segue questo vero e proprio lifting senza bisturi si ripercuotono a cascata anche sulla mente agitata o tesa.

Insomma, ti assicuro che una volta provato difficilmente lo abbandonerai, proprio come è successo a me!

Benefici del gua sha stone

Vediamo in breve quali sono tutti i benefici che puoi ricavare da un automassaggio eseguito con il facial gua sha.

  • Scioglie le tensioni muscolari
  • Ossigena i tessuti, rendendo la pelle visibilmente più distesa e luminosa
  • Minimizza le rughe d’espressione
  • Stimola la circolazione sanguigna e linfatica (agisce soprattutto sulla microcircolazione e promuove il drenaggio linfatico)
  • Decongestiona le zone con gonfiori e riduce borse e occhiaie
  • Rende l’incarnato più uniforme e omogeneo
  • Tonifica l’intero ovale
  • Libera la pelle dalle tossine
  • Riduce la disidratazione e l’eccessiva produzione di sebo (è quindi un trattamento adatto a tutti i tipi di pelle)
  • Migliora l’assorbimento di creme, oli o sieri
  • Riduce il livello di stress e promuove un rilassamento completo di mente e corpo

Visti tutti i benefici che questa pietra massaggio viso è in grado di donare a chi decide di utilizzarla nella propria routine di bellezza, possiamo definire questo trattamento una vera e propria ginnastica per il viso che regala un effetto botox naturale.

Ma questo stretching facciale ha il vantaggio in più di essere abbastanza economico e di poterlo eseguire a casa in completa autonomia. Basta solo imparare la corretta tecnica di “sfregamento”, che tra poco ti svelerò!

Se ti stai chiedendo quanto cosa un gua sha, ti tranquillizzo subito dicendoti che mediamente il prezzo si aggira intorno ai 15 – 20 euro. Molto spesso le pietre per massaggio viso vengono vendute in meravigliosi kit insieme ai rulli e a sacchettini per poter contenere entrambi gli accessori.

Consigli per scegliere lo strumento giusto

La forma più utilizzata, e con la quale personalmente mi trovo meglio, è la classica fatta a cuore. Ma esiste anche la forma a pesce. In entrambi i casi la pietra gua sha avrà un lato con due sporgenze più strette (che formano un cuore sul lato corto), un lato lungo convesso e uno concavo.

In base alla zona da stimolare si userà un lato piuttosto che l’altro, anche se generalmente si lavora con la parte a cuore e il lato concavo, come vedremo nel dettaglio tra poco.

Per quanto riguarda il materiale, come ti avevo anticipato le pietre più usate e facili da trovare in commercio sono la Giada verde e il Quarzo rosa.

Personalmente amo la pietra di Giada, anche perché è quella tradizionalmente usata in medicina cinese. Tuttavia la scelta del tipo di pietra è del tutto personale.

Tieni presente che ogni pietra ha una propria energia e nella scelta del tuo gua sha dovresti tenere in considerazione anche questo aspetto, in modo da ottenere tutti i benefici anche a livello più sottile.

La Giada ha qualità lenitive, riequilibranti, calmanti ed è tradizionalmente usata in oriente per la sua capacità di ridurre il calore in eccesso. E’ una pietra legata al chakra del cuore e che crea armonia tra cuore ed emozioni. Dal punto di vista più fisico, è in grado di stimolare il sistema linfatico e di promuovere l’eliminazione delle tossine.

Il Quarzo rosa è la pietra legata all’amore, alla bellezza, al femminile. E’ rinfrescante e aiuta a fomentare la compassione e l’intuizione. Essendo anch’essa una pietra legata al cuore, dal punto di vista fisico lavora soprattutto sul sistema circolatorio, calmando palpitazioni, ipertensione e tachicardia.

In ogni caso sia il Quarzo che la Giada sono pietre non porose e ottime quindi per non assorbire i cosmetici, come oli e sieri, che applichi sulla pelle. Inoltre entrambe le pietre per massaggio viso mantengono basse temperature, apportando ai tessuti tutti i relativi benefici del freddo.

Detto ciò, sentiti libera di farti guidare dalla tua intuizione nella scelta della tua pietra gua sha preferita!

Questo è quello che uso io e con cui mi trovo benissimo. Acquistando da questo link potrai sostenerci senza nessuna spesa aggiuntiva da parte tua e ci aiuterai a mantenere il sito libero da pubblicità invadenti, continuando a goderti a pieno i nostri contenuti gratuitamente.

 

Come si esegue il massaggio gua sha viso

Siamo finalmente arrivate alla parte più importante: questa pietra gua sha come si usa?

Innanzitutto il massaggio gua sha viso deve essere delicato. Ciò significa che durante lo scorrimento della pietra non devi esercitare troppa pressione per non rischiare di irritare o arrossare la cute.

Questo accorgimento è ancor più da tener presente se la tua pelle è delicata e sensibile. In ogni caso, sappi che anche la pelle sensibile può utilizzare questo accessorio, cercando di fare particolare attenzione nelle zone più delicate.

Inizia detergendo la pelle come di consueto e passa un tonico. Quindi applica il siero, l’olio o la crema idratante, a seconda del tuo tipo di pelle o dell’effetto che vuoi ottenere.

Se hai la pelle grassa ti consiglio un olio molto leggero o un siero, mentre per la pelle secca o normale vira su un olio più pesante, sempre non comedogeno.

Puoi effettuare il massaggio viso gua sha anche con la pelle pulita e asciutta, ma ti consiglio di combinare sempre un prodotto attivo idratante all’automassaggio, soprattutto per permettere al gua sha di scorrere meglio e per incentivare l’assorbimento degli attivi del cosmetico scelto.

Attenzione! La pietra gua sha durante il massaggio non deve mai essere posizionata in modo perpendicolare rispetto al viso o al collo. Bensì dovrà essere inclinata verso la direzione del movimento. In questo modo il massaggio sarà più efficace e soprattutto meno invasivo.

Per quanto riguarda il tempo, sappi che non esiste una tempistica massima. Invece l’ideale è proseguire finché non senti una sensazione di rilassamento profondo. Ovviamente ti ricordo che la pressione non può essere troppo forte, altrimenti rischi di fare più male che bene. Se invece i movimenti sono corretti e delicati vedrai che non avrai alcun problema!

Ma ora ti lascio ai passaggi da fare per eseguire il trattamento completo del viso e del collo.

Collo

1. Parti dalla parte posteriore del collo usando il lato più corto della pietra a forma di cuore. Fai scivolare la pietra dal basso verso l’alto, dalla base del collo fino all’attaccatura dei capelli, soffermandoti con una leggera pressione proprio in prossimità dell’attaccatura stessa.

2. Prosegui nello stesso modo per entrambi i lati del collo, massaggiando dalla clavicola fino all’attaccatura dell’orecchio, sempre usando la parte più corta a forma di cuore della pietra. Soffermati facendo leggere pressioni dietro l’orecchio.

3. Termina la zona del collo con la parte frontale, dalla base fino al mento. Usa questa volta il lato lungo e concavo della pietra gua sha e soffermati a fare delle piccole pressioni appena sotto il mento e l’osso della mandibola.

Mandibola

1. Utilizza ancora la parte a cuore della pietra gua sha (lato corto) e tieni ferma la pelle posizionando l’indice della mano libera sul mento. Quindi massaggia lungo l’osso della mandibola dal mento fino all’attaccatura dell’orecchio e qui soffermati ad eseguire leggere pressioni.

2. Ripeti lo stesso passaggio anche dall’altro lato della mandibola.

Guance e zigomi

1. Ora posiziona il gua sha in verticale. Dovrai usare ancora il lato lungo concavo per massaggiare le guance e gli zigomi. Metti il dito indice della mano libera appena sopra al labbro superiore, appoggia il gua sha all’attaccatura laterale del naso e all’angolo esterno della bocca e fallo scivolare verso l’esterno, fino all’attaccatura dell’orecchio. Esegui delle leggere pressioni all’attaccatura dell’orecchio.

2. Ripeti lo stesso passaggio anche per l’altra guancia.

Contorno occhi

1. Usando una delle due sporgenze della parte a cuore (lato corto), massaggia molto delicatamente la zona del contorno occhi dall’interno verso la tempia. Il massaggio in questa zona deve essere davvero leggero. Esegui piccole pressioni sulla tempia.

2. Ripeti lo stesso passaggio anche per l’altro occhio.

Arcata sopraccigliare

1. Con il lato più corto a forma di cuore e massaggia l’arcata sopraccigliare dall’interno verso la tempia, tenendo il sopracciglio nell’incavo del cuore. Appoggia l’indice della mano libera tra le due sopracciglia in modo da tenere tesa la pelle. Esegui delle leggere pressioni sulla tempia.

2. Ripeti lo stesso passaggio anche per l’altro sopracciglio.

Fronte

1. Usa il lato lungo concavo della pietra gua sha e massaggia verticalmente da appena sopra le sopracciglia fino all’attaccatura dei capelli. Esegui delle leggere pressioni quando arrivi all’attaccatura dei capelli.

2. Procedi nello stesso modo prima nella parte centrale della fronte e poi ai lati.

Decolleté

1. Appoggia l’indice della mano libera al centro del decolleté e massaggia tutta la zona con la parte lunga e concava della pietra dal centro verso l’esterno.

2. Ripeti lo stesso passaggio anche per l‘altro lato del decolleté.

Stimolazione finale

1. Posiziona il lato corto a cuore nella zona tra le sopracciglia ed esegui delle leggere pressioni.

2. Usando lo stesso lato del gua sha, posizionalo alla base esterna del naso ed esercita delle leggere pressioni (esegui questo passaggio per entrambi i lati del naso).

3. Posiziona la pietra (sempre usando lo stesso lato a cuore) tra la base del naso e il labbro superiore, esercitando delle leggere pressioni.

4. Ora, posiziona lo stesso lato tra il labbro inferiore e il mento, esercitando delle leggere pressioni.

Alcuni consigli in più per il massaggio gua sha viso

Puoi eseguire questo massaggio viso quando ne senti il bisogno e in qualsiasi momento della giornata, ma quello migliore è sicuramente alla sera prima di coricarti.

Quando esegui un rituale di questo tipo giusto prima di andare a dormire, magari anche già distesa sul letto, non solo tonifichi il viso permettendo un assorbimento ottimale dei prodotti idratanti che spalmi, ma riesci anche a conciliare il sonno favorendo un buon riposo.

Inoltre la pelle di notte è più ricettiva e il massaggio gua sha fatto alla sera rende ancor più assorbibili gli attivi dei prodotti da te scelti, sfruttando il naturale bioritmo.

E’ importante anche pulire sempre la pietra gua sha con acqua e sapone neutro dopo l’utilizzo, soprattutto se hai eseguito il massaggio con olio, crema o siero. Una volta pulita, asciugala con un panno in microfibra prima di riporla. Fai attenzione a non farla scivolare: la pietra gua sha è molto liscia e una volta insaponata si rischia di farla cadere a terra!

Per un massaggio più profondo, puoi abbinare il gua sha al rullo (come ti dicevo spesso vengono venduti insieme nei kit). Questi due tool hanno qualità diverse ma sinergiche che possono aiutare ulteriormente a distendere la pelle e a farla apparire più tonica e luminosa dopo i tuoi massaggi facciali.

Infine, ti consiglio di caricare la pietra gua sha per massaggio ai raggi della Luna piena. In questo modo lavorerai anche con l’energia vibrazionale del tuo accessorio di bellezza e ne prolungherai la vita utile.

Per sapere di più sugli influssi lunari e come vivere seguendo i ritmi della magica Luna, dai un’occhiata al nostro libro e alle nostre agende lunari facendo click sui link qui sotto.

Il manuale dei lunatici

La mia agenda lunatica

Gua sha controindicazioni

Come vedi si tratta di un accessorio per massaggiare il viso estremamente pratico, economico e sicuro. Tuttavia, soprattutto se usato nella delicata zona del viso, dovresti prestare particolare attenzione in caso di:

  • Traumi recenti
  • Tagli e ferite
  • Nei (che però si potrebbero coprire prima di eseguire il massaggio)

Che olio usare con il Gua sha?

Puoi usare qualsiasi prodotto con cui noti che la tua pelle reagisce bene. Olio, siero, crema idratante, purché renda più facile lo scivolamento del gua sha.

Se usi un olio idratante, ti raccomando di scegliere quello più adatto per il tuo tipo di pelle e di non sceglierlo comedogeno.

Puoi anche potenziarlo con gli oli essenziali e creare un semplice ma efficace trattamento che puoi realizzare tutte le sere prima di dormire, proprio come fosse il tuo personale rituale.

Per idee di combinazioni tra oli vegetali e oli essenziali, ti consiglio di scaricarti il nostro ebook gratuito facendo click sul seguente link: Oli essenziali femminili e Ayurveda.

Se hai trovato utile questo articolo, fammelo sapere lasciandomi un commento 🙂

Un abbraccio di luce positiva!

Deborah

Lascia un commento