finocchi-le proprietà-in-ayurveda-e-occidente

FINOCCHI: LE PROPRIETÀ IN AYURVEDA E OCCIDENTE

  • Categoria dell'articolo:Nutriamoci
  • Tempo di lettura:15 minuti di lettura

I finocchi sono degli alleati sia in cucina per portare in tavola deliziose pietanze, sia per sostenere la salute dell’intero organismo, soprattutto per le loro proprietà digestive e depurative.

Ma i benefici dei finocchi non si fermano di certo qui.

Vuoi scoprire di più sulle proprietà dei finocchi secondo la medicina ayurvedica e occidentale? Leggi l’articolo per approfondire tutto su questo delizioso ortaggio dolce e croccante!

Alla fine dell’articolo troverai un link per approfondire le proprietà dei finocchi anche dal punto di vista della Medicina Tradizionale Cinese.

coupon-sconto-zenstore

Cosa sono i finocchi?

Il finocchio (Foeniculum vulgare Mill.) è una pianta erbacea biennale o perenne appartenente alla famiglia botanica delle Apiaceae. Originario dell’Asia Minore, il finocchio predilige il clima mite ed è diffuso in tutto il Mediterraneo.

Le carnose e sovrapposte foglie formano il grumolo di colore biancastro che si utilizza in cucina, sia crudo che cotto.

Generalmente se il grumolo è di forma più tondeggiante la pianta viene chiamata “maschio“, mentre se si presenta più affusolato viene chiamata “femmina“. I primi sono più adatti ad essere consumati crudi, mentre i secondi sono più adatti alla cottura.

Per via delle loro proprietà aromatiche, dovute principalmente al contenuto di anetolo, i finocchi erano apprezzati fin dalle civiltà antiche.

Esistono due specie di pianta di finocchio:

  • il finocchio amaro, detto anche “selvatico“, che cresce spontaneamente ed è utilizzato soprattutto per i frutti molto aromatici destinati alla distillazione e come condimento a tavola
  • il finocchio dolce, che è la specie coltivata di cui si consuma il grumolo bianco

Alcune delle più diffuse varietà di finocchi sono il Bianco dolce di Firenze, il Romanesco, il Gigante di Napoli, il Grosso di Sicilia.

Finocchi calorie e valori nutrizionali

I finocchi hanno pochissime calorie (calorie finocchi: solo 9 per 100 grammi).

Inoltre sono privi di grassi, ma ricchi di fibre insolubili e per questo particolarmente adatti ad essere consumati nei regimi alimentari ipocalorici.

Contengono importanti minerali, in particolare potassio, calcio, fosforo, magnesio e zinco, ma anche una buona quantità di vitamina C, vitamina A, flavonoidi e folati.

Leggi anche: Acido folico: a cosa serve e in quali cibi trovarlo

Inoltre sono ricchi di fitoestrogeni che aiutano ad equilibrare gli ormoni femminili.

Proprietà del finocchio in Occidente

Le proprietà del finocchio sono davvero infinite e la sua versatilità di impiego in cucina rende questo ortaggio una vera miniera d’oro per la salute dell’organismo.

Scopriamo insieme a cosa serve il finocchio!

1. Carminativi e digestivi

I finocchi favoriscono la digestione e aiutano a combattere gonfiore addominale, flatulenza, meteorismo.

Sono utili in caso di sindrome del colon irritabile, dispepsie e colite cronica.

2. Proteggono l’apparato cardiovascolare

I finocchi riducono il colesterolo LDL, i trigliceridi e la glicemia. Inoltre il potassio permette di regolare la pressione sanguigna e il ferro li rende anche dei validi antianemici, utili quindi anche per chi segue un regime alimentare vegano.

3. Proteggono il fegato e depurano

Grazie all’elevato contenuto di acqua e fibre, i finocchi sono potenti disintossicanti e depurativi dell’organismo e stimolanti della diuresi.

La presenza di anetolo inoltre permette anche l’azione epatoprotettrice, sostenendo il lavoro a carico del fegato.

4. Ottimi nelle diete ipocaloriche

Le fibre e l’acqua contenute nei finocchi donano un senso di sazietà per un lungo periodo, facendo in modo che questi ortaggi siano particolarmente adatti nelle diete dimagranti. Inoltre l’assenza di lipidi li rende a maggior ragione dei validi alleati per ritrovare la forma fisica.

5. Equilibrano gli ormoni femminili

Grazie ai fitoestrogeni, naturali sostanze estrogeniche, i finocchi sono in grado di equilibrare gli ormoni femminili. Riducono i dolori mestruali, regolarizzano il ciclo e alleviano i sintomi della menopausa.

6. Stimolano la produzione di latte materno

Il finocchio è in grado di lavorare sull’asse ipotalamo-ipofisi-gonadi. L’ anetolo inibisce l’azione della dopamina, che a sua volta ha un effetto inibitorio sulla prolattina, l’ormone fondamentale per la lattazione.

In questo modo, i finocchi esercitano una funzione galattogoga, stimolando la secrezione di latte materno, che prenderà anche un sapore più dolce.

Inoltre il finocchio supporta il corretto sviluppo del sistema nervoso durante i primi mesi di gestazione.

7. Espettoranti

I finocchi sono in grado di stimolare il movimento delle ciglia dell’apparato respiratorio. Favoriscono l’espulsione di muco e batteri, diventando quindi utili per trattare patologie a carico di bronchi e polmoni.

Acquista qui l’olio essenziale di Finocchio

8. Antitumorali e antiossidanti

Diverse sostanze antiossidanti, ma in particolare l’anetolo, contenute nel finocchio rendono questo ortaggio un rimedio naturale di supporto per vari tipi di tumore.

Usi del finocchio

Per godere di tutte le proprietà benefiche del finocchio possiamo consumarli sia crudi che cotti, ma anche sotto forma di tisana e centrifugato.

Al fine di mantenere intatti tutti i benefici curativi, è però necessario prestare attenzione e preparali nel modo corretto.

Se si opta per cucinare i finocchi, è meglio cuocerli a vapore per poco tempo, evitando che perdano la loro croccantezza. Ottimo in questo caso l’abbinamento con erbe aromatiche e spezie.

I finocchi cotti vengono spesso aggiunti a delle confortanti zuppe. Mentre i ben noti finocchi al forno gratinati possono essere un’ulteriore opzione, anche per accompagnare piatti di carne.

Invece con i finocchi crudi si possono realizzare sfiziosi pinzimoni da consumare come aperitivo rinfrescante del palato. Ad esempio preparare una semplice insalata di finocchi con arance e olive può essere una valida alternativa: una ricetta facile e veloce per un secondo piatto o un pasto unico con frutta e verdura, senza glutine, sano, gustoso e ricco di nutrienti.

I semi di finocchio si possono sfruttare per condire zuppe e insalate, per aromatizzare il pane fatto in casa, ma anche per ricavarne una tisana da sorseggiare a fine pasto per un effetto digestivo e carminativo.

Insomma, le ricette con finocchi non mancano di certo!

Proprietà dei finocchi in Ayurveda

In Ayurveda i semi di finocchio sono considerati uno dei più importanti cibi sattvici digestivi.

Vediamo un breve riassunto delle proprietà energetiche dei finocchi secondo l’Ayurveda:

  • Nome Sanscrito: Madhurika
  • Sapore (Rasa): dolce
  • Energia (Virya): rinfrescante
  • Effetto post-digestivo (Vipaka): dolce
  • Effetto sui tre dosha: equilibrante per Vata, Pitta e Kapha

Uno degli aspetti più interessanti dei semi di finocchio è che oltre a promuovere una corretta digestione, rafforzano Agni (il fuoco digestivo) senza però aggravare il dosha Pitta. In questo modo risultano essere un alimento tridosha, che equilibra tutti e tre gli umori (cosa che non accade con la maggior parte delle altre erbe e spezie).

Acquista qui i semi di Finocchio interi

I finocchi evitano gas e flatulenza, alleviano l’acidità di stomaco, trattano con efficacia le indigestioni. Sono carminativi, diuretici e antispasmodici. A tal proposito c’è da dire che oltre a favorire la mestruazione, sono anche in grado di calmarne i dolori.

Inoltre purificano il corpo e il loro aroma dona chiarezza e concentrazione mentale, calmando i nervi.

Sono molto utili per trattare i disturbi digestivi anche in anziani e bambini.

Per le coliche dei neonati la madre che allatta può consumare tisane al finocchio conferendo un sapore dolce al latte materno, alleviando al contempo i dolori del bambino e promuovendo la produzione di latte.

I finocchi sono eccellenti per trattare i disturbi urinari, in particolare se associati con il coriandolo.

Semi di finocchio, cumino e coriandolo si combinano molto bene insieme in quanto tutti e tre energeticamente rinfrescanti e con proprietà simili. Questa combinazione è utile soprattutto per trattare i disturbi Pitta e per favorire l’assimilazione di altre piante.

In caso di Vata elevato è meglio però associare il finocchio con il cardamomo.

Alcuni consigli d’uso dei semi di finocchio secondo l’Ayurveda

Per favorire la digestione, oltre a bere una tisana di finocchio a fine pasto, si può anche masticare un cucchiaino di semi leggermente tostati dopo aver mangiato. Questa tecnica sarà utile inoltre per rinfrescare l’alito.

Le persone che pranzano fuori casa possono portarsi dietro un sacchettino con dei semi di finocchio in modo da poterli masticare dopo il pasto, scongiurando pesantezza e indigestioni provocate da cibi poco salutari.

In cucina sono ottimi in aggiunta a stufati e zuppe.

In caso di gas addominale si può preparare una miscela con cardamomo, finocchio e zenzero in parti uguali e versare un cucchiaino della mistura in una tazza di acqua bollente.

Per combattere la diarrea può essere utile masticare un paio di volte al giorno mezzo cucchiaino di semi di finocchio insieme a mezzo cucchiaino di zenzero (entrambi tritati al momento).

Per approfondire le proprietà dei finocchi secondo la Medicina Tradizionale Cinese fai click qui

Un abbraccio di luce positiva,

Deborah