cetrioli-proprietà-in-ayurveda-e-occidente

CETRIOLI PROPRIETÀ IN AYURVEDA E OCCIDENTE

  • Categoria dell'articolo:Nutriamoci
  • Tempo di lettura:9 minuti di lettura

In questo articolo vediamo di scoprire insieme quali sono le proprietà dei cetrioli paragonando il punto di vista della medicina Ayurvedica e quello della medicina Occidentale.

Alla fine dell’articolo troverai un link per approfondire le proprietà dei cetrioli anche dal punto di vista della Medicina Tradizionale Cinese

codice-sconto-zenstore

Cetriolo frutta o verdura? Il cetriolo (Cucumis sativus) dal punto di vista botanico è un frutto appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae. Ma in realtà i cetrioli vengono associati alle verdure dal punto di vista nutrizionale e del loro utilizzo in cucina.

La pianta è originaria dall’India e può essere strisciante o rampicante.

I frutti, verdi e con una forma allungata, vengono generalmente consumati crudi oppure conservati sotto aceto.

Sono ricchissimi di fibre e acqua e, nonostante le molteplici proprietà dei cetrioli, questi frutti non risultano digeribili per tutte le persone.

Cetriolo valori nutrizionali

I cetrioli sono composti dal 96,5% di acqua, ma contengono anche fibre, vitamina C, vitamina K, vitamine del gruppo B, nonché sali minerali come ferro, potassio, fosforo, calcio, manganese.

Inoltre i cetrioli contengono acido tartarico che conferisce a questo frutto alcune importanti proprietà per l’organismo, come vedremo tra poco.

La maggior parte dei nutrienti si concentra soprattutto nella buccia ed è proprio per questo che il modo migliore per consumare i cetrioli è a crudo e senza averli precedentemente sbucciati.

Benefici dei cetrioli

Molti sono i benefici che i cetrioli apportano all’organismo.

Innanzitutto stimolano la diuresi e depurano il corpo. Infatti aiutano ad eliminare i liquidi in eccesso grazie all’acqua e alle fibre. Inoltre sono utili per alleviare i disturbi a carico di fegato e reni, proprio per la loro capacità depurativa.

Tengono a bada colesterolo e glicemia, riducendo l’assorbimento degli zuccheri. Sono quindi un valido supporto per tutto l’apparato cardiocircolatorio.

Sono antinfiammatori e decongestionanti, soprattutto grazie all’azulene che contengono (lo stesso principio attivo presente nella camomilla). Supportano il microcircolo, alleviano l’infiammazione intestinale e danno sollievo in caso di dolori articolari.

Aiutano per la bellezza della pelle. I cetrioli sono ottimi in caso di infiammazioni, irritazioni, scottature solari, ma anche per schiarire macchie e discromie cutanee. Inoltre, grazie alle loro proprietà drenanti, sono utili per contrastare cellulite e ritenzione idrica.

Leggi anche: Gel per gambe gonfie e pesanti fai da te naturale

Regolano la pressione arteriosa grazie al potassio e sono quindi utili in caso di ipertensione.

Diminuiscono i livelli di acido urico e possono donare sollievo in caso di gotta e calcoli.

Sono antiossidanti, contrastano i radicali liberi e prevengono l’invecchiamento grazie alla vitamina C che contengono.

Quante calorie hanno i cetrioli?

Si tratta di frutti decisamente ipocalorici (calorie cetriolo: 12 Kcal per 100 grammi) e quindi utili anche in caso di regimi alimentari dimagranti, donando comunque un buon senso di sazietà. 

Inoltre l’acido tartarico impedisce ai carboidrati di trasformarsi in tessuto adiposo, moderandone quindi l’assorbimento.

Come consumare i cetrioli

Il modo migliore per mantenere le proprietà del cetriolo è consumarli a crudo e con la buccia, tagliandoli a fettine molto sottili e condendoli con poco sale e un filo di olio.

Ma spesso i cetrioli in cucina sono anche un’ottima base per le salse da accompagnare ai piatti principali.

Oppure, per sfruttare ancora di più tutte le loro proprietà, si possono realizzare degli estratti freschi, anche insieme ad altri ortaggi, delle acque rinfrescanti a cui aggiungere altre erbe e spezie, oppure ancora una bella zuppa fredda estiva.

Controindicazioni dei cetrioli

Non ci sono particolari controindicazioni. Tuttavia i cetrioli possono essere difficili da digerire per alcune persone ed è meglio evitarli in caso di colon irritabile.

Per ovviare al problema della difficoltà di digerire i cetrioli, è possibile eliminare la buccia, tagliarli a fettine e cospargerli con una spolverata di sale. Si tengono le fette in uno scolapasta per 30 – 60 minuti e infine si risciacqua accuratamente prima di consumarli.

Proprietà dei cetrioli in Ayurveda

  • Nome Sanscrito: Sakusa
  • Sapore (Rasa): dolce
  • Energia (Virya): rinfrescante
  • Effetto post-digestivo (Vipaka): dolce
  • Effetto sui tre dosha: equilibrano Vata e Pitta; possono aggravare Kapha

I cetrioli sono ricchissimi di acqua e secondo la medicina ayurvedica sono di qualità pesante e possono risultare difficilmente digeribili.

Risultano molto allevianti per la secchezza del dosha Vata, data la loro qualità umida. Mentre l’energia rinfrescante dei cetrioli è utile per calmare il fuoco di Pitta, soprattutto durante una calda giornata estiva.

Per le persone di costituzione Kapha invece, i cetrioli dovrebbero essere consumati in modo sporadico proprio per la loro umidità che aggrava questo dosha dalla natura pesante e liquida.

Il cetriolo depura e stimola l’eliminazione delle tossine, grazie all’effetto diuretico e lassativo in quanto ricco di fibre.

Grazie all’elevato contenuto di acqua è un ottimo modo per idratarsi in estate in modo naturale.

Spesso nella cucina indiana i cetrioli freschi vengono utilizzati come condimento per accompagnare altre verdure. Ad esempio si possono servire tagliati a fettine oppure si trovano spesso nel raita, un condimento a base di yogurt e altri alimenti.

I cetrioli sono particolarmente utili per la bellezza della pelle, anche in caso di problematiche come dermatiti, eczemi e scottature. I benefici dei cetrioli sulla cute si possono notare non solo se vengono consumati, ma anche se applicati direttamente sulle zone da trattare.

Per approfondire le proprietà dei cetrioli secondo la Medicina Tradizionale Cinese fai click qui.

Un abbraccio di luce positiva,

Deborah