ceci-scheda

CECI

  • Categoria dell'articolo:Ortaggi
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:6 minuti di lettura

CECI: DALLA SEMINA ALLA RACCOLTA

Il cece è una pianta erbacea annuale i cui semi commestibili sono i ceci. In botanica si conosce con il nome Cicer arietinum e fa parte della famiglia delle Fabacee.

Questa pianta è facile da coltivare e non pretende molto dal suolo, si adatta bene ai terreni poveri grazie al suo apparato radicale che riesce ad andare in profondità per trovare i nutrienti di cui necessita. Anzi è ottima per migliorarlo perché come tutte le leguminose apporta azoto al terreno. Il cece è una pianta che non teme il caldo e l’aridità del terreno.

I ceci sono molto usati nella cucina mediterranea ed oltre ad essere buonissimi sono ricchi di proprietà utili al nostro organismo e possono essere consumati in moltissimi modi. Il termine latino Cicer deriva dal greco Kikis e significa forza, energia, vigore e questo ci fa capire quanto benefico sia il loro consumo regolare. Contengono molte proteine vegetali, ferro, potassio, zinco, sodio, magnesio, fosforo e vitamine (A-K-C-B-E).

Leggi anche la nostra ricetta: Biscotti di ceci vegan o guarda il video Biscotti di ceci e cioccolato senza farina, burro, uova

COLTIVAZIONE PIANTA CECI

Il seme germina a una temperatura non inferiore ai 10°. La semina ceci normalmente viene fatta direttamente in campo quando le temperature lo permettono. Solitamente avviene a fine inverno tra febbraio e marzo. 

Per quanto riguarda le fasi lunari, per la semina consiglio la Luna Crescente quando si trova in una costellazione di Fuoco. Molto favorito il segno dell’Ariete.

SESTO D’IMPIANTO DELLA PIANTINA DI CECI

I ceci vanno posti a 3-4 cm di profondità e senza comprare semi specifici, spesso costosi , si possono seminare anche quelli che si comprano essiccati in sacchetto al supermercato, meglio se biologiciIl sesto d’impianto è di 25-30 cm tra le piantine e 40 cm tra le file. Più o meno 8-9 piante per metro quadro.

Questi sono i ceci che ho usato per la semina. Acquistando da questo link potrai sostenerci senza nessuna spesa aggiuntiva da parte tua e ci aiuterai a mantenere il sito libero da pubblicità invadenti, continuando a goderti a pieno i nostri contenuti gratuitamente. 

TERRENO ADATTO E NECESSITA’ DELLA PIANTA DEI CECI

I ceci non sono una coltura molto diffusa negli orti domestici, perché producendo solo 1 o 2 semi per baccello, per avere una buona resa necessitiamo di molte piante. Il cece è un arbusto che può arrivare al mezzo metro di altezza e le sue radici possono svilupparsi fino ad un metro di profondità. Questo rende la pianta non esigente in fatto di irrigazione, teme solo il ristagno d’acqua e ha una grande resistenza alla siccità. Per quanto riguarda il suolo, cresce bene ovunque e anche nei terreni sassosi. Si può concimare con del fosforo e potassio, ma comunque non necessita di una gran lavorazione perché le radici lavorano la terra da sole. Per quanto riguarda il ph del terreno il valore deve essere tra 6,5 e 8. Questa pianta ama il clima caldo, quindi predilige una zona dell’orto in pieno sole.

CONSOCIAZIONI NELL’ORTO DELLA PIANTA DEI CECI

Come tutte le leguminose, assorbono azoto dall’atmosfera e lo trasferiscono nel terreno. Favoriscono quindi la crescita di piante che hanno bisogno di molto azoto per crescere, come le cucurbitacee (zucca, zucchine, cetrioli, angurie, meloni, luffa). 

Al contrario, non andranno mai piantati vicino ad altre leguminose, perché entrerebbero in competizione per i nutrienti del suolo. Sono un’ottima coltura per la rotazione, visto che arricchiscono il terreno e lo lavorano con le loro radici profonde.

MALATTIE CHE COLPISCONO LA PIANTA DI CECI

L’Antracnosi è la malattia che più colpisce questa pianta e provoca l’ingiallimento della pianta. In modo più blando la pianta può essere colpita da malattie fungine come il Fusarium, il Verticillium e il Rhizoctonia.

Il Tonchio è un insetto che può colpire i ceci dopo la raccolta.

RACCOLTA DEI CECI

I ceci si raccolgono da giugno a luglio quando le piante cominciano a seccarsi nel terreno. Si estirperà totalmente la pianta dal terreno e si farà un fascio con le piante che si metteranno poi a essiccare in un luogo arieggiato per alcune settimane. 

Per la raccolta consiglio in tutti i casi la Luna Crescente in fase ascendente. Terminata l’essiccazione si potrà togliere i ceci dai baccelli e conservarli dentro sacchi di yuta in un luogo fresco e asciutto.

CONSUMO E CONSERVAZIONE

Per la raccolta, con la relativa essiccazione, consiglio quando la Luna si trova nella costellazione dello Scorpione.

Due idee in cucina: Hummus di barbabietola e ceci e Sformato di quinoa con hummus e foglie di broccolo

Se ti interessa sapere il transito lunare nelle costellazioni iscriviti alla newsletter e riceverai subito in omaggio il nostro Calendario Lunare aggiornato.

Un abbraccio di luce positiva!

Alberto

Lascia un commento